A.D.P.S. "SORGENTI SILE"

Home » Lo statuto

LO STATUTO

DI SEGUITO LO STATUTO DELLA SOCIETA’

ASSOCIAZIONE DILETTANTISTICA PESCATORI SPORTIVI “SORGENTI SILE”
SEDE – BAR “AL PORTICALE”
Via G. Caviglia   n° 14
31033 CAVASAGRA  (TV)
Tel. 0423/451662
C.F. 81002950269 

                                                           STATUTO SOCIALE

TITOLO 1°  – SCOPI E FINALITA’ DELL’ASSOCIAZIONE .

Art. 1 – Costituzione. 
A norma dell’articolo 18 della Costituzione Italiana e degli 36- 37- 38 de l Codice Civile è costituita, con durata illimitata l’Associazione denominata:

 
 
ASSOCIAZIONE DILETTANTISTICA PESCATORI SPORTIVI  ”SORGENTI SILE”
 
 
con sede in Cavasagra Vedelago Via G. Caviglia, n° 14 , presso Bar “Al Porticale”. 
Art. 2 –
 Sono Organi dell’Associazione:
              – l’Assemblea dei Soci;
              – il Consiglio Direttivo;
              – il Presidente;
              – il Collegio dei Revisori dei Conti;
              – il Collegio dei Probiviri.
Tutte le cariche sociali sono a titolo gratuito e devono essere conferite ai Soci maggiorenni iscritti all’Associazione. E’ aperta a tutti coloro che intendano parteciparvi per puro spirito sportivo dilettantistico e culturale, senza alcuno scopo o finalità professionale.
L’Associazione è apartitica ed apolitica e non a fine di lucro. 
Art. 3 – 
Finalità e scopi dell’Associazione.
L’Associazione svolge attività nei settori della pesca sportiva, nelle attività culturali e ricreative, formative, sociali, quali  l’attenzione all’ambiente ed alla fauna ittica, alla loro   conservazione e miglioramento al fine ultimo di promuovere la pesca dilettantistica ed aumentare così la diffusione di questa disciplina incentivando sempre nuove adesioni, 
questo per consentire ai pescatori aderenti di avere a disposizione, canali non inquinati con specie ittiche pregiate e salvaguardati contro l’azione dei bracconieri.

TITOLO 2°   – DIRITTI E DOVERI DEI SOCI .

Art. 4 – 
Adesione all’Associazione e diritto di voto. 
Possono far parte dell’Associazione le persone fisiche che ne condividano gli scopi e cooperino alla loro realizzazione, previa domanda di ammissione, purché titolari di licenza di pesca nelle acque interne.
Quanti aderiscono all’Associazione accettano il presente Statuto ed il Regolamento interno, si assumono incondizionatamente ogni responsabilità per la vita associativa, senza rivalsa, a qualsiasi titolo, nei confronti dell’Associazione stessa, il numero di Soci è illimitato.
Fino al compimento del 18° anno di età il minore è rappresentato nei rapporti sociali dai genitori o da chi ne fa le veci.
Il diritto di voto viene esercitato direttamente dal Socio a partire dal 18° anno di età.
E’ consentito l’esercizio di voto per delega, con limite di una sola delega.
Il Socio non ha diritto alla ripartizione di utili, fondi dell’Associazione o riserve di capitale.
I Soci iscritti sono tenuti all’osservanza dello Statuto e dei Regolamenti emanati dal Consiglio Direttivo,nonché all’osservanza delle deliberazioni assunte dagli Organi Sociali.   
Art. 5 – Iscrizione Soci.
Alla Associazione possono essere iscritti:
a) soci riservisti ,
b) soci riservisti pierini, (età inferiore ai 14 anni)
c) soci temporanei.
I soci riservisti, nelle assemblee hanno diritto di voto, esprimendo in modo democratico le loro opinioni sulle eventuali modifiche allo statuto, al regolamento, alla nomina del Consiglio Direttivo e alla gestione dell’Associazione, possono inoltre accedere alle cariche sociali.
I soci riservisti minorenni, di età inferiore ai 18 anni, non hanno diritto di voto e non possono accedere alle cariche sociali. 
I soci temporanei sono coloro che usufruiscono di permessi giornalieri di pesca, nelle date fissate dal regolamento interno, che sono tenuti ad osservare.
Tali soci hanno diritto di voto, solo nelle assemblee di fine anno per il bilancio consuntivo.    
Art. 6 – Diritti di partecipazione. 
I Soci hanno diritto:
Partecipare ai diversi   momenti   della vita associativa, quali le Assemblee ordinarie e straordinarie, purché in regola con il versamento della quota sociale;
Il socio ha diritto ad un solo voto, e può farsi rappresentare in assemblea, per mezzo di delega scritta da altro socio. Un socio può essere portatore di una sola delega.
Art. 7 – 
Quote associative. 
I nuovi associati saranno accolti su parere del Consiglio direttivo a maggioranza di voti.
Il pagamento della quota di iscrizione dovrà essere fatta entro la data indicata dal Consiglio di anno in anno. 
Il socio riceverà una ricevuta di versamento, che sarà restituita all’Associazione all’atto della consegna del libretto di pesca che avrà luogo prima dell’apertura della stagione ittica 

I Soci sono tenuti al pagamento della quota sociale annuale ed eventuali contributi associativi, nella misura, nei modi e nei tempi stabiliti dal Consiglio Direttivo.
 Art. 8 – 
Rimborso quote sociali.
Gli importi versati come quote sociali, di volta in volta deliberati dal Consiglio Direttivo, non sono restituibili non sono trasmissibili, ne rivalutabili, se non per gravi e comprovati motivi che dovranno essere valutati dal Consiglio Direttivo.
Art. 9 – 
Perdita di qualifica di socio.
La qualifica di socio si perde per: 
– inosservanza dello Statuto e dei Regolamenti interni;
– aver recato danno morale e/o materiale all’Associazione;
– inosservanza di ogni altro provvedimento assunto dagli Organi sociali.
Nell’attesa della deliberazione definitiva, il Consiglio Direttivo in presenza di comportamenti e violazioni di rilevante gravità, ha facoltà di sospendere temporaneamente il Socio da ogni attività associativa.
Il Consiglio delibera con voto favorevole della maggioranza (intesa come metà più uno dei suo componenti).

 

TITOLO 3° – ASSEMBLEA DEI SOCI. 

Art. 10 – Assemblea e sua convocazione. 
L’Assemblea dei Soci può essere ordinaria o straordinaria.
Le Assemblee sono convocate con avviso affisso all’Albo della sede sociale, con almeno 10 giorni di preavviso o con avviso scritto inviato ad ogni socio, sono presiedute dal Presidente o
in sua assenza dal vice Presidente, coadiuvato dal Segretario per redigere il verbale, che sarà poi sottoscritto dal Presidente e dal Segretario.
L’avviso deve riportare : data, luogo, ora e ordine del giorno dell’Assemblea.
Art. 11 – Assemblee Ordinarie e Straordinarie.     
L’Assemblea ordinaria viene convocata almeno una volta all’anno per l’approvazione del Bilancio consuntivo.
Liberamente essa:
– delinea le attività sociali;
– nomina la Commissione Elettorale per il controllo delle operazioni di voto;
– elegge ogni tre anni il Consiglio Direttivo;
– approva il Bilancio consuntivo e quello preventivo;
– delibera su tutti gli argomenti riguardanti la gestione dell’Associazione, riconosciuti dallo Statuto come di sua competenza o sottoposti al suo esame dal Consiglio Direttivo;
– elegge il Consiglio dei Revisore dei Conti;
– elegge il Collegio dei Probiviri.
L’Assemblea straordinaria si riunisce per deliberare:
– sulle modifiche da apportare allo Statuto;
– sullo scioglimento dell’Associazione;
– su ogni altro argomento di notevole rilevanza per la vita associativa, che il Consiglio Direttivo riterrà di sottoporre all’esame ed approvazione da parte dell’Assemblea.
Essa viene convocata dal Consiglio  Direttivo per i motivi suesposti e/o quando ne faccia richiesta motivata almeno dai due terzi dei Soci.
La convocazione viene disposta entro 15 giorni dalla data di presentazione della richiesta di convocazione.

Art. 12 – Validità delle Assemblee.
Le   Assemblee sia   Ordinarie   che   Straordinarie   si   intendono regolarmente costituite rispettivamente in 1^ convocazione con la presenza di almeno la metà più uno dei Soci e   in 2^ convocazione con qualunque numero di Soci presenti.
Solo per le Assemblee straordinarie per lo scioglimento dell’Associazione o per variazioni allo statuto la seconda convocazione devono essere presenti almeno i due terzi dei Soci.
Le deliberazioni o le decisioni saranno valide se approvate con la maggioranza dei Soci.

TITOLO 4° – IL CONSIGLIO DIRETTIVO.  

 dell’Associazione A.D.P.S. “Sorgenti Sile” è affidata ad un consiglio composto da 11 (undici ) membri scelti tra gli associati, dei quali nove vengono eletti   direttamente dai soci nel corso dell’assemblea ordinaria, gli altri due vengono nominati dal consiglio.
L’elezione dei nove consiglieri di cui sopra rispetta il seguente criterio:
        n° 2 consiglieri eletti dai soci residenti nel comune di Vedelago;
        n° 2 consiglieri eletti dai soci residenti nel comune di Istrana;
        n° 2 consiglieri eletti dai soci residenti nel comune di Morgano;
        n° 2 consiglieri eletti dai soci residenti nel comune di Castelfranco Veneto;
        n° 1 consigliere eletto dai soci residenti nei comuni foranei.
Il Consiglio resterà in carica per 3 (tre) anni.
Entro un mese dalla elezione, il Consiglio si riunirà e procederà alla nomina del Presidente e del Vice Presidente, del Segretario, del Tesoriere, oltre che alla nomina dei due consiglieri.
Il Consiglio Direttivo può delegare ad altri membri del consiglio incarichi particolari in ordine alle esigenze tecniche organizzative, che discendono dalle attività programmate e svolte dall’Associazione per il conseguimento dei fini sociali.
Le sedute consiliari avranno validità solo in presenza del numero minimo di 6 (sei)consiglieri.     
Art 14 – Convocazioni del Consiglio. 
Il Consiglio Direttivo è convocato dal Presidente ( o dal Vice Presidente in caso di impedimento del Presidente) di norma una volta al mese o quando se ne ravvisi l’esigenza per assumere decisioni urgenti e di particolare rilevanza.
Può essere convocato anche quando ne faccia richiesta motivata richiesta scritta almeno 1/3 dei componenti il consiglio.
Art. 15 – Poteri del Presidente.
Il Presidente rappresenta legalmente l’Associazione con firma, e potrà prendere tutte quelle decisioni che riguardano l’amministrazione sia ordinaria che urgente dopo essersi consultato con i propri collaboratori, salvo ottenere poi da parte del Consiglio la ratifica delle decisioni prese. 
Art. 16 – Validità delle decisioni consiliari. 
Il Consiglio Direttivo è investito dei più ampi poteri per la gestione ordinaria e straordinari dell’Associazione.
Il Consiglio Direttivo:
– redige i programmi di attività sociale previsti dallo Statuto sulla base delle linee approvate dall’Assemblea dei Soci;
– stabilisce i modi ed i tempi per il versamento, delle quote sociali annuali, di eventuali contributi sociali e della quota di “entratura” per i nuovi Soci;
– cura l’esecuzione delle deliberazioni dell’Assemblea;
– redige il bilancio Consuntivo e Preventivo, compilerà entro il 31 Ottobre di ogni anno il bilancio e la relazione consuntiva per l’anno in corso, ed entro il 15 Novembre il bilancio preventivo per l’anno seguente. 
L’approvazione del bilancio preventivo, delle eventuali variazioni al Regolamento interno, e la discussione della relazione sull’attività dell’anno seguente o in corso, non potranno avvenire dopo l’apertura.
Art. 17 – Decadenza da consigliere.
Qualsiasi grave infrazione allo Statuto o al Regolamento da parte dei Consiglieri o soci con altri incarichi comporta la decadenza da ogni carica.     
Potrà   altresì essere considerato decaduto il consigliere che risulti assente alle riunioni del Consiglio, per tre volte consecutive, senza giustificazione valida comunicata al Presidente per iscritto, o telefonicamente.
In caso di dimissioni di un membro del Consiglio, i componenti consiliari potranno sostituirlo con altro associato, salvo farne convalidare la nomina alla prima assemblea generale. 
Il mandato del nuovo consigliere verrà a scadere unitamente a quello degli eletti dall’Assemblea generale.

TITOLO 5° – ALTRI ORGANI DELL’ASSOCIAZIONE:

Art. 18 –  Collegio dei Revisori dei Conti.
I revisori  dei  conti  si  compongono  di  tre  membri  eletti  dall’Assemblea dei soci, con il compito di eseguire i controlli amministrativi contabili.
I membri durano in carica tre anni come il Consiglio Direttivo e sono rieleggibili.
Art. 19 – Collegio dei Probiviri.    
Il collegio dei Probiviri si compone di tre membri eletti dall’Assemblea dei soci e durano in carica tre anni,
e sono rieleggibili.
Competenze del Collegio dei Probiviri:
– dirimere le controversie associative,
– decidere  su  eventuali   ricorsi  alle  sanzioni disciplinari  comminate ai soci dal Consiglio Direttivo

TITOLO 6° – SCIOGLIMENTO DELL’ASSOCIAZIONE.

Art. 20 – Organo preposto a decidere lo scioglimento.
Lo scioglimento dell’Associazione può essere deliberato solo dall’Assemblea Straordinaria dei soci con le maggioranze previste per tale seduta.
Qualora  addivenendo allo scioglimento dell’Associazione Sorgenti Sile, per qualsiasi motivo, il  patrimonio sociale sarà devoluto a  scopi umanitari e beneficenza, in conformità  a  quanto stabilito dal consiglio direttivo e approvato dall’assemblea sociale del 21 ottobre 1994.
Art. 21- Disposizioni finali.
Per  quanto  non  espressamente  previsto  dal  presente  Statuto si  applicano le disposizioni dello  Statuto
e dei  Regolamenti  dell’Ente  riconosciuto a cui  sarà  eventualmente  affiliata l’A.D.P.S.   Sorgenti  Sile 
di Cavasagra Vedelago, e le norme del Codice Civile.

            

Testo approvato all’unanimità dal Consiglio Direttivo in data 09 Febbraio 2007.

      Il Segretario                                                                          Il Presidente
    Gianni Beraldo                                                                     Giovanni Boin                                                 

 

ISCRIZIONI

PER NUOVE ISCRIZIONI O INFORMAZIONI SU COME EFFETTUARE UNA NUOVA ISCRIZIONE ALL'ASSOCIAZIONE 'SORGENTI SILE'

SEGUIRE IL LINK QUI SOTTO